Testimonianze

Quando fui invitato a partecipare alla serata conclusiva del premio Pastocchi 2015 ero dubbioso sul da farsi: dovevo affrontare un viaggio di circa 600 km e tale circostanza frenava il mio grande desiderio di ricevere il premio

Ho deciso infine di presenziare e non mi sono pentito per nulla. Anzi …

Valutate le attrattive del viaggio, ho cercato di sfruttare tutte le possibilità che l’occasione mi presentava. Così sono partito, in compagnia di mia moglie, sulla mia vecchia Fiesta, in un bel giorno di settembre.

La prima tappa importante del viaggio è stata Porto Recanati, la bella cittadina di mare con le spiagge ancora attrezzate per l’attività balneare. Qualche foto al mare rallegrato dai giochi dei gabbiani e poi via, alla volta di Recanati. Lì ho visitato la casa del sublime poeta situata al centro della storica città circondata dalle colline superbamente modellate dalla mano della natura.

Quindi, mentre il sole si abbassava sui rilievi lussureggianti, ancora in auto in direzione di Potenza Picena.

Nel tardo pomeriggio entravo nel suggestivo e antico teatro Mugellini per il momento più atteso dell’avventura.

Sono stato accolto con calore dallo staff dell’organizzazione.

La serata è stata magica: il simpatico presentatore, la sapiente giuria capitanata dal poeta Pastocchi, la lettura delle poesie in un clima commovente di festa. E infine il premio: graditissimo.

Unico rammarico il Tempo che è volato in fretta, senza però cancellare dalla mia memoria il nitido ricordo del Premio Pastocchi e delle magnifiche terre marchigiane.  

Norberto Mazzucchelli

Poeta

Le iniziativa culturali rappresentano sempre un valore aggiunto per il territorio in cui vengono organizzate e per la popolazione, platea di riferimento, che ne può beneficiare.
Ma quando un’iniziativa riesce a coniugare qualità della proposta, valorizzazione di una forma letteraria nobile come la poesia, partecipazione di ospiti poeti provenienti da ogni Regione italiana e, al contempo, strettissimo legame con il territorio, allora ci troviamo al cospetto di un’iniziativa che assume i contorni di un evento dallo spessore autentico.
Il "Premio Pastocchi” è tutto questo.
Ma, per chi è di Potenza Picena (ops, scusami Giovanni, “di Montesanto”) e per chi ha avuto la fortuna di conoscere un animo sensibile, intelligente e sempre autoironico e un brillante poeta vernacolare come Giovanni (per gli amici “Giovannino”) il Premio non smetterà mai di avere un significato, se possibile, ancora maggiore e intangibile.

Nico Coppari

Giornalista

L’anno scorso, nel 2017, ho passato un pomeriggio di settembre poeticamente davvero piacevole a Potenza Picena, delizioso paese sulle colline di Macerata. Ero fra i vincitori del concorso Giovanni Pastocchi. La cerimonia di premiazione si è svolta in quel piccolo curatissimo salotto che è il teatro Mugellini, che da solo vale il viaggio. Siamo stati benissimo accolti da persone motivate e interessate all’arte. Il tutto era felicemente organizzato. La poesia vincitrice del concorso era di ottimo livello, questo significa che la giuria era composta da persone che sapevano ben giudicare che cos’è la poesia.

Lunga vita al premio Giovanni Pastocchi.

Anna Elisa De Gregorio

Poetessa

Gentili organizzatori del premio Pastocchi, sono venuta a conoscenza del progetto di una pubblicazione in cui raccogliere le esperienze maturate in relazione al premio al quale ho avuto l' occasione e l'onore di partecipare all'ultima edizione. In quella circostanza ho avuto una segnalazione con l'opera CADE L'ESTATE ma, indipendentemente dal piacere di aver ottenuto un gradito riconoscimento, sono lieta di esprimere la mia gratitudine per la gentilezza delle persone con cui sono venuta telefonicamente a contatto. Purtroppo in quella circostanza; a causa della lontananza inconciliabile con i miei impegni di lavoro, non ho potuto parttecipare alla cerimonia conclusiva, ma non per questo non ho saputo apprezzare disponibilità, cortesia e serietà nell' organizzazione tanto che il  premio Pastocchi è segnato in rosso sulla mia agenda e su internet non rinuncio a tener d'occhio l' eventuale edizione 2018. In questo caso non mancherà la mia partecipazione. Fra l'altro mi è gradita l'occasione per esprimere il mio apprezzamento per le tematiche proposte come EMOZIONI DI SETTEBRE che, in altri premi, non offrono la possibilità di articolare un pensiero poetico.Ringraziando per l'attenzione vi auguro futuri successi e...chissà...magari anche l'occasione di un personale incontro. Con stima  

Ornella Sala

Poetessa

"Ho partecipato, come giurata, al Premio Poesia intitolato a Giovanni Pastocchi nell'edizione 2017.

Sono stata onorata di aver preso parte ad un evento culturale e di spessore come questo. Vorrei sottolineare la cura e l'attenzione che gli organizzatori hanno riservato sia a noi giurati che allo svolgimento della kermesse e l'alta qualità dei testi poetici pervenuti da tutte le regioni d'Italia e anche da alcune nazioni estere.

Questa esperienza rimarrà, sicuramente, un ricordo carico di emozioni ed indelebile nel mio cuore!"

Roberta Melatini

Giurata

Accetto con onore ed entusiasmo il vostro invito per alcune considerazioni sul Premio.

Ho ritrovato in me due tipi di ricordi:

Un ricordo culturale e poetico, in cui le magie dell’autunno e della vendemmia si sono riversate in alcune immagini di vita quotidiana, magari poco considerate, ma non per questo meno vive ed importanti. La nostra quotidianità è fatta di piccole cose che ci aiutano a gustare la bellezza della vita in tutte le sue espressioni e che ci conducono su percorsi emozionali senza i quali saremmo vuoti e privi di ogni sentimento.

Il secondo ricordo è un ricordo più fisico, ma non per questo meno sentito. La partecipazione al premio Pastocchi mi ha dato la stupenda possibilità di conoscere Potenza Picena, la sua gente così ospitale, i luoghi particolari e propri di una terra così generosa e feconda, con i suoi panorami che spaziano dalla montagna al mare quasi senza soluzione di continuità e che descrivono in modo incomparabile la bellezza di un mondo poco conosciuto, ma vivo e pregno di vitalità e di scoperte. Andiamo in giro per il mondo a conoscere nuovi posti, nuove mete, incantati davanti a meraviglie della natura e dell’uomo, ma ci guardiamo poco intorno e non ci rendiamo conto di quante meraviglie questo nostro amato e discusso Paese ci offre, con la sua splendida gente, i posti più straordinari, le bellezze più nascoste, cose queste, che oltre a riempire il nostro cuore di orgoglio, devono farci riflettere sulla fortuna di avere in case tante meravigliose realtà. Uno stimolo quindi a girare i nostri occhi intorno a noi stessi e scoprire tutto ciò che la natura ha messo a disposizione dei nostri sensi, senza dover spaziare per contrade, seppur importanti e notevoli, che nulla hanno di più di ciò che invece noi abbiamo a disposizione. Con i migliori auguri.

Sergio Santoro

Poeta

Sia Giovanni Pastocchi, che il Premio a lui dedicato, mi hanno aperto la mente e il cuore ad una visione, per me nuova, della poesia. E' stata la mia iniziazione alla cultura del sentire dentro, del sentire nel profondo. Immensamente grata.

Silvia Miccini

Lettrice

Giovanni Pastocchi riesce a catturare qualunque lettore. 
La sua poesia semplice, pulita, mai aggressiva è volo e realtà concreta: la bellezza della natura e del mutare delle stagioni, l'umanità della vita paesana, gli accenti contadini, gli arredi poveri, la dignità del lavoro e della solitudine. 
Ritorna quel tempo chiamato infanzia spesso relegato in cantina o rimosso dalla memoria. 
Con le poesie di Giovanni Pastocchi non ritroviamo soltanto noi stessi ma la nostra vita relazionata, fusa con quella degli altri, così lontana dal mondo di oggi. 

Cesarina Giustozzi

Giurata

Odicina a un vino umile

 

Un bicchiere di vino

solleva fino al cielo, poi rabbuia.

Le porte della notte

si aprono ai colori e il cuore

si volge verso l’animo e lo redime.

 

I migliori auguri per il Vostro lavoro. Con stima 

Giuseppe Piersigilli 

Poeta

Aver avuto l'incarico di essere giurato del premio Pastocchi per alcuni anni è stato per me veramente prezioso perchè contribuivo al ricordo del grande poeta e perchè mi arricchivo culturalmente nel leggere le tante poesie. ed anche per aver avuto la possibilità di incontrare  tanto pubblico nella splendida cornice del Mugellini. Grazie

Cesare Angeletti

Giurato

l premio di poesia ‘G. Pastocchi’ , giunto quest’anno alla sua sesta edizione, nasce da un’idea di Roberto Marconi e della biblioteca comunale di Potenza Picena in onore del nostro più importante poeta vernacolare. Dopo le prime edizioni la manifestazione passa alla Pro Loco. Quest’anno la direzione artistica è di Riccardo Pastocchi, nipote di Giovanni, a cui facciamo i nostri migliori auguri per un buon lavoro e un’ottima riuscita dell’evento. Il premio rappresenta una rara occasione, all’interno del nostro Comune, di promozione della poesia.

Biblioteca Comunale

Potenza Picena